Grazie Per Avermi Votato, Vescovo Di Bergamo A Sotto Il Monte, Codici Tributo F23, Fiat G 55, Libri Nel Medioevo, Sansone E Dalila Episodio Biblico, Giro Ad Anello Torri Del Vajolet, " /> Grazie Per Avermi Votato, Vescovo Di Bergamo A Sotto Il Monte, Codici Tributo F23, Fiat G 55, Libri Nel Medioevo, Sansone E Dalila Episodio Biblico, Giro Ad Anello Torri Del Vajolet, " /> skip to Main Content

foucault nietzsche, la genealogia, la storia

giustizia Ora, qui l’uso della parola Herkunft probabilmente non è arbitrario: serve a designare parecchi testi di Umano, troppo umano consacrati all’origine della moralità, dell’ascesi, della giustizia e della punizione. Herkunft: è la stirpe, la provenienza, è la vecchia appartenenza ad un gruppo – quello del sangue, quello della tradizione, quello che si crea fra persone della stessa altezza o della stessa bassezza. Dalla plebe. 11. uguaglianza Già si potrebbe giurare che se mai apparisse all’orizzonte la costellazione di questo pensiero, la conoscenza della verità resterebbe l’unica immensa meta alla quale sarebbe proporzionato un tale sacrificio, poiché per essa nessun sacrificio è troppo grande. «Forse proprio a questo punto scopriamo altresì il regno della nostra invenzione, quel regno in cui anche noi possiamo essere ancora originali, per esempio come parodisti della storia universale o pagliacci d’iddio»[Al di là del bene e del male, 223]. Ricercare la genealogia in Foucault significa inoltre imbattersi in altre due questioni capitali della sua riflessione, vale a dire l’archeologia e la storia, che con la genealogia educazione Il genealogista, alla fine, scopre che non esiste nessuna verità metafisica, nessun assoluto. Ha scritto l'autore Barbara A. Aronica. Vi ritorna al di là delle obiezioni che egli allora faceva loro in nome della vita, del suo potere di affermare e di creare. Al contrario, il senso storico sfuggirà alla metafisica per diventare lo strumento privilegiato della genealogia se non si orienta su nessun assoluto. DOAJ is an online directory that indexes and provides access to quality open access, peer-reviewed journals. « degli egoismi selvaggiamente rivolti l’uno contro l’altro e, per cosi dire, esplodenti, i quali lottano tra loro per avere luce e sole» [Al di là del bene e del male]. Nietzsche «coltivando con mano attenta ciò che dura fin dall’antichità», di «preservare le condizioni nelle quali si è nati per coloro che verranno dopo di noi» . Frattanto non è stato ancora mai posto il problema » [Aurora, 45]. Ma guarda dall’alto, — immergendosi per cogliere le prospettive, mostrare le dispersioni e le differenze, lasciare ad ogni cosa la sua misura ed intensità. È il principio e la legge singolare di un’apparizione. Un corpo animale può essere forte e vigoroso, ma anche debole e svigorito. Di qui, per la genealogia, un’indispensabile cautela: reperire la singolarità degli avvenimenti al di fuori di ogni finalità monotona; spiarli dove meno li si aspetta e in ciò che passa per non aver storia – i sentimenti, l’amore, la coscienza, gli istinti; cogliere il loro ritorno, non per tracciare la curva lenta d’un’evoluzione, ma per ritrovare le diverse scene dove hanno giocato ruoli diversi; definire anche l’istante della loro assenza, il momento in cui non hanno avuto luogo (Platone a Siracusa non è diventato Maometto…). guerra Come si è troppo spesso inclini a cercare la provenienza in una continuità senza interruzione, così si avrebbe torto a render conto dell’emergenza attraverso il termine finale. Ebbene, Foucault, lungi dal ‘venerare l’origine’, ironizza su di essa, mirando a distruggere i miti delle tradizioni (il che, certamente, non fa del francese un sostenitore della massificazione). NIETZSCHE LA GENEALOGIA LA HISTORIA [Michel Foucault] on Amazon.com. morte Tra “storia monumentale” e “storia critica” del dominio. Non che la respinga per spirito di serietà; vuole al contrario spingerla all’estremo: vuol mettere in opera un gran carnevale del tempo, dove le maschere non cesseranno di ritornare. 7. La genealogia, al contrario, ristabilisce i diversi sistemi d’asservimento: non la potenza anticipatrice d’un senso, ma il gioco casuale delle dominazioni. La ragione nella filosofia]. La genealogia esige dunque la minuzia del sapere, un gran numero di materiali accumulati e pazienza. Michel FOUCAULT Nietzsche, la genealogía, la historia 1. religione Paris: Éditions La Nietzsche, la genealogia, la storia. La genealogia come dinamite. In ogni modo, si tratta di fare della storia un uso che la liberi per sempre dal modello, insieme metafisico ed antropologico, della memoria. Che dietro le cose c’è «tutt’altra cosa»: non il loro segreto essenziale e senza data, ma il segreto che sono senza essenza, o che la loro essenza fu costruita pezzo per pezzo a partire da figure che le erano estranee. «germoglio metafisico che rispunta nella considerazione della storia e che fa ogni volta credere che al principio di tutte le cose si trovi il più perfetto e il più essenziale» [Il viandante e la sua opera, 9]: piace credere che all’inizio le cose erano nella loro perfezione; che uscirono scintillanti dalle mani del creatore, o nella luce senz’ombra del primo mattino. La sovranità come dispositivo di potere tradizionale 132 2.2. E per far questo, cerca d’accostarsi il più possibile, di portarsi ai piedi di queste vette, a costo d’aver su di esse la famosa prospettiva delle rane. o che la loro essenza fu costruita pezzo per pezzo a partire da figure che le erano estranee. La genealogia non si oppone alla storia come la vista altera e profonda del filosofo allo sguardo di talpa del dotto; s’oppone al contrario al dispiegamento metastorico dei significati ideali e delle indefinite teleologie. Platone globalizzazione Disilluso sulla morale, poi, non si lascerà più indebolire dalla ‘parte avversa’, vivendo anche in modo più felice. Oltre ad aver scoperto di essere fazioso, di provare quindi delle irrazionali inimicizie, ha anche abbandonato ogni illusione metafisica (o meglio – vi è da ritenere – ogni stupida ‘deformazione del mondo’ metafisica). Domanda che ora lo fa sorridere e di cui dice appunto ch’era una ricerca di Ursprung; la stessa parola per caratterizzare un po’ più avanti il lavoro di Paul Ree [L’opera di Paul Ree si chiamava Ursprung der moralischen Emfindungen]. Passiamo alla Entstehung della storia; il suo luogo è l’Europa del xix secolo: patria delle mescolanze e degl’imbastardimenti, epoca dell’uomo-mistura. Il buon storico, il genealogista, saprà quel che bisogna pensare di tutta questa mascherata. La storia, colle sue intensità, cedimenti, furori segreti, le sue grandi agitazioni febbrili come le sue sincopi, è il corpo stesso del divenire. Scuola Pubblica Si trattava lì di riconoscere le continuità nelle quali si radica il nostro presente: continuità del suolo, della lingua, della città; si trattava. La storia «effettiva» si distingue da quella degli storici per il fatto che non si fonda su nessuna costante: nulla nell’uomo nemmeno il suo corpo — è abbastanza saldo per comprendere gli altri uomini e riconoscersi in essi. Errore di nuovo; esso è preso in una serie di regimi che lo plasmano; è rotto a ritmi di lavoro, di riposo e di festa: è intossicato da veleni — cibo o valori, abitudini alimentari e leggi morali insieme; si costruisce delle resistenze. neoliberismo A Nietzsche of the genealogy, that allowed Foucault to deepen the relation among language, ratio and subjectivity, through the concept of episteme. Universo di regole che non è destinato ad addolcire, ma al contrario a soddisfare la violenza. Gli storici diranno che questa è una prova di tatto e di discrezione: con che diritto f-rebbero intervenire il loro gusto, quando si tratta degli altri, le loro preferenze quando si tratta di ciò che è realmente accaduto? In A. Fontana . Ma non bisogna ingannarsi; quest’eredità non è un’acquisizione, un avere che si accumula e si solidifica; piuttosto, un insieme di faglie, di crepe, di strati eterogenei che la rendono instabile, e, dall’interno o dal di sotto, minacciano il fragile erede: «il modo di procedere ingiusto e per improvvisi sbalzi nell’animo di molti individui, il loro disordine e difetto di misura sono le ultime conseguenze d’innumerevoli inesattezze logiche, superficialità e conclusioni avventate, di cui i loro predecessori si sono resi colpevoli» [Aurora, 247]. animali Lavora su pergamene ingarbugliate, raschiate, più volte riscritte. Lineamenti di analitica del potere (1975-76): dispositivi, soggetti-vazione, resistenza 119 1. Ed è per questo precisamente che in ogni momento della storia, si fissa in un rituale; impone delle obbligazioni e dei diritti; costituisce delle procedure accurate. Piuttosto che identificare la nostra pallida individualità alle identità fortemente reali del passato, si tratta di irrealizzarci in tante identità riapparse; e riprendendo tutte queste maschere – Federico di Hohenstaufen, Cesare, Gesù, Dioniso, Zaratustra forse -, ricominciando la buffoneria della storia, riassumeremo come nostra irrealtà l’identità più irreale del Dio che l’ha condotta. Nietzsche, la genealogía, la historia: Foucault, Michel, Vázquez Pérez, José: Amazon.nl Selecteer uw cookievoorkeuren We gebruiken cookies en vergelijkbare tools om uw winkelervaring te verbeteren, onze services aan te bieden, te begrijpen hoe klanten onze services gebruiken zodat we verbeteringen kunnen aanbrengen, en om advertenties weer te geven. lasciar loro il tempo di risalire dal labirinto dove nessuna verità li ha mai tenuti sotto la sua guardia. Il sapere non è fatto per comprendere, è fatto per prendere posizione. Esprimono semplicemente prospettive differenti, interpretano diversamente il mondo, sulla base di diversi gradi di forza relativi alla loro istintualità o vitalità. Tale è appunto la caratteristica  dell’Entstehung: non è il risultato necessario di quel che, per tanto tempo, era stato preparato in anticipo; è la scena dove le forze si mettono a rischio e s’affrontano, dove accade ch’esse trionfino, ma dove le si può catturare. Nietzsche e la genealogia Si tratta di un paragrafo introduttivo che mette in luce lâ importante influenza esercitata su Foucault dalla lettura di Nietzsche, in particolare per quanto riguarda la concezione della genealogia come fondamentale strumento metodologico, del corpo, del soggetto. Sono nati contemporaneamente da uno stesso segno, in cui si può riconoscere tanto il sintomo d’una malattia che il germe d’un fiore meraviglioso  ed è dopo che dovranno distinguersi. Ma il sapere storico non ha difficoltà a smontarli, – a mostrare le loro trasformazioni, ad indivi¬duare i loro momenti di forza e di debolezza, ad identificare i loro regni alterni, a coglierne la lenta elaborazione ed i movimenti attraverso i quali, rivoltandosi contro se stessi, possono accanirsi nella propria distruzione. L’altro uso della parola è caratterizzato. Lo riprende, ma a tutt’altro fine. La filiazione dello storico risale fino a Socrate. View Friedrich Nietzsche La Genealogía De La Moral Research Papers on for free. Analitica della verità e storia del presente, con un'intervista e due saggi di Michel Foucault, Firenze: La casa Usher, 2010 ISBN 978-88-95065-47-2: Foucault e la "Storia della follia" (1961-2011), "aut aut", 351, 2011 povertà Le diverse emergenze che si possono individuare non sono le figure successive d’uno stesso significato; sono altrettanti effetti di sostituzioni, scambi e spostamenti, conquiste simulate, rovesciamenti sistematici. Nietzsche, Foucault e Sini è un grande libro. Paris: Éditions La Nietzsche, la genealogia, la storia. È questo il problema principale. View Friedrich Nietzsche La Genealogía De La Moral Research Papers on for free. ‘Origine’, oltre ad avere un senso metafisico, è da riferire alla ‘tradizione’ (destinata ad andare perduta), designante la particolarità identitaria di un popolo e – implicitamente nello scritto – il suo originario radicamento, non solo relativo a condizioni materiali: ogni tradizione è oggetto di ‘venerazione’, anche per via della sua supposta grandezza e autenticità morali. Foucault e Nietzsche. «In esecrabili piccole conclusioni. Rispetto ai momenti di grande civiltà, eccoci come i barbari: abbiamo dinanzi agli occhi città in rovina, e monumenti enigmatici; siamo immobili dinanzi a mura spalancate; ci domandiamo quali dèi abbiano potuto abitare tutti questi templi vuoti. È infatti fuor di dubbio che il metodo genealogico, che caratterizza l’intera opera foucaultiana, sia il risultato di un’attenta e rigorosa interpretazione dei testi nietzscheani, … L’emergenza, è dunque l’entrata in scena delle forze; è la loro irruzione, il balzo con il quale dalle quinte saltano sul teatro, ciascuna col vigore, la giovinezza che le è propria. Insomma, né la filosofia classica, né la filosofia moderna, costituiscono una ‘filosofia storica’, un ‘pensiero del divenire’, di contro ad ogni tipo di costante sovrastorica, caratterizzante ogni metafisica. «Storicamente e fisiologicamente», dice talvolta Nietzsche [Crepuscolo degli idoli, 44]. E ancora: che nel nostro sviluppo possiamo staccare dei pezzi e presentarli come autonomi» [Umano, troppo umano, 274], La storia, genealogicamente diretta, non ha per fine di ritrovare le radici della nostra identità, ma d’accanirsi al contrario a dissiparla; non si mette a cercare il luogo unico da dove veniamo, questa prima patria dove i metafisici ci promettono che faremo ritorno; essa si occupa di far apparire tutte le discontinuità che ci attraversano. ... 1971, trad. 5. Non nel senso di modesto, o di discreto come il passo della colomba, ma derisorio, ironico, atto a distruggere tutte le infatuazioni: «Si cercava di pervenire al sentimento della sovranità dell’uomo, indicando la sua origine divina: questa è ora divenuta una via proibita, poiché alla sua porta c’è la scimmia» [Aurora, 49]. Viltà, ipocrisia – semplici rampolli dell’errore; non nel senso socratico, non perché sia necessario ingannarsi per essere cattivo, non perché ci si è distolti dalla verità originaria, ma perché è il corpo che porta, nella vita e nella morte, nella forza e nella debolezza, la sanzione di ogni verità e di ogni errore, come porta anche, e inversamente, l’origine-provenienza. filosofia Ma Platone avrebbe potuto impadronirsi di questa filo-sofia socratica, avrebbe potuto rivolgerla contro se stessa, – e probabilmente più d’una volta è stato tentato di farlo. Ma nel 1874, Nietzsche rimproverava a questa storia, tutta votata alla venerazione, di sbarrare la strada alle intensità attuali della vita, alle sue creazioni. Nietzsche, Foucault e Sini. Tutto ciò a cui ci si appoggia per rivolgersi verso la storia e coglierla nella sua totalità, tutto ciò che permette di descriverla come un paziente movimento continuo, — è tutto questo che si tratta di spezzare sistematicamente. Foucault._Nietzsche_la_genealogia_la_his.pdf - Google Drive ... Sign in 10. Le Inattuali parlavano dell’uso critico della storia: si trattava di trascinare il passato in giustizia, di tagliare le sue radici col coltello, di cancellare le venerazioni tradi-zionali, per liberare l’uomo e non lasciargli altra origine che quella in cui vuole riconoscersi. Il senso storico dà al sapere la possibilità di fare, nel movimento stesso della sua conoscenza, la propria genealogia. a partir desde la mirada de Michel Foucault, el texto de Nietszche, en razón de su . La genealogia nietzscheana secondo Foucault – Sitosophia | alessandrapeluso, Scopri come i tuoi dati vengono elaborati. Rousseau La genealogia. 'Nietzsche, de genealogie, de geschiedschrijving' is een tekst van Michel Foucault oorspronkelijk uitgegeven in 1971 onder de titel Nietzsche, la généalogie, l'histoire en in 1981 naar het Nederlands vertaald door Eric Bolle. ... Foucault interprete di Nietzsche. a partir desde la mirada de Michel Foucault… a partir desde la mirada de Michel Foucault, el texto de Nietszche, en razón de su . Nulla deve essere al di sopra di lui. Ideas Y Valores 49:20-34 (2000) Abstract This article has no associated abstract. Si avrebbe torto a credere, secondo lo schema tradizionale, che la guerra generale, esaurendosi nelle proprie contraddizioni finisce per rinunciare alla violenza ed accetta di sopprimere se stessa nelle leggi della pace civile. autonomia 3. Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. «potrebbe perfino appartenere alla costituzione fondamentale dell’esistenza il fatto che chi giunge alla perfetta conoscenza incontri l’annullamento» [Al di là del bene e del male, 39] . democrazia Ma se essa s’interroga e se in modo più generale interroga ogni coscienza scientifica nella sua storia, scopre allora le forme e trasformazioni della volontà di sapere che è istinto, passione, accanimento inquisitorio, raffinatezza crudele, cattiveria; scopre la violenza dei partiti presi: partito preso contro la felicità ignorante, contro le illusioni vigorose attraverso le quali l’umanità si protegge, partito preso per tutto quel che c’è di pericoloso nella ricerca e d’inquietante nella scoperta. All’inizio di Nietzsche, la genealogia, la storia, Foucault passa in rassegna i vari termini tedeschi con cui Nietzsche indica il vocabolo ‘origine’, ognuno dei quali assume una sua particolare sfumatura di significato che lo differenzia dai rimanenti. Noi pensiamo in ogni caso che il corpo almeno non ha altre leggi che quelle della fisiologia e che sfugge alla storia. Scribd is the world's largest social reading and publishing site. Il grande gioco della storia, sta in chi s’impadronirà delle regole, chi prenderà il posto di quelli che le utilizzano, chi si travestirà per pervertirle, le utilizzerà a controsenso e le rivolgerà contro quelli che le avevano imposte; chi, introducendosi nel complesso apparato lo farà funzionare in modo tale che i dominatori si troveranno dominati dalle loro stesse regole. Il senso storico, come Nietzsche l’intende, sa di essere prospettiva, e non rifiuta il sistema della propria ingiustizia. All’inverso del mondo cristiano, universalmente tessuto dal ragno divino, a differenza del mondo greco, diviso fra il regno della volontà e quello della grande stupidità cosmica, il mondo della storia effettiva non conosce che un solo regno, dove non c’è né provvidenza né causa finale, – ma solo. FOUCAULT NIETZSCHE LA GENEALOGIA LA STORIA PDF - In: Foucault, M.: The Foucault reader / ed. Si tratta di fare della storia una contromemoria, – e di dispiegarvi di conseguenza una forma del tempo del tutto diversa. Nulla deve sfuggirle, ma nulla deve neppure essere escluso. E’ per questo probabilmente che ogni origine della morale, dl momento che non è venerabile, – e la Herkunft non lo è mai – vale come critica [Crepuscolo, ragioni della filosofia]. Ciò, per raggiungere immediatamente il proprio scopo di essere lasciato in pace, colpendo l’uomo forte. 145-172] e tradotto da Einaudi [Microfisica del potere, Torino, Einaudi, 1977, pp. Il binomio nietzsche - antistoricismo è una costante facilmente riscontrabile nelle tradizionali interpretazioni del pensiero del . Uno è l’uso parodistico e distruttore di realtà, che si oppone al tema della storia-reminiscenza o riconoscimento; l’altro è l’uso dissociativo e distruttore d’identità che si oppone alla storia-continuità o tradizione; il terzo è l’uso sacrificale e distruttore di verità che si oppone alla storia-conoscenza. Il rapporto di dominazione non è un rapporto più di quanto non sia un luogo il luogo dove si esercita. – New York u.d.T. La genealogia, come analisi della provenienza, è dunque all’articolazione del corpo e della storia: deve mostrare il corpo tutto impresso di storia, e la storia che devasta il corpo. società di controllo Questa funzione è opposta a quella che voleva esercitare, secondo le Inattuali, «la storia antiquaria». Lungi dall’essere una categoria della somiglianza, una tale origine permette di districare, per metterli da parte, tutti i segni diversi: i tedeschi s’immaginano d’esser giunti al culmine della loro complessità quando hanno detto che avevano l’anima doppia; si sono ingannati e di gran lunga, o piuttosto cercano come possono di padroneggiare l’accozzaglia di razze di cui sono costituiti [Al di là del bene e del male, 244] Là dove l’anima ha la pretesa d’unificarsi, là dove l’Io s’inventa un’identità o una i coerenza, il genealogista parte alla ricerca dell’inizio, – degl’innumerevoli inizi che lasciano quel sospetto di colore, quella traccia quasi cancellata che non potrebbe gannare un occhio un po’ storico; l’analisi della provenienza permette di dissociare l’Io e di far pullulare nei luoghi della sua sintesi vuota mille avvenimenti ora perduti. Abkunft del sentimento depressivo]. Ma vi ritorna trasformandole : la venerazione dei monumenti diventa parodia; il rispetto delle antiche continuità diventa dissociazione sistematica; la critica delle ingiustizie del passato in nome della verità che l’uomo detiene oggi diventa distruzione del soggetto della conoscenza attraverso l’ingiustizia propria alla volontà di sapere. a partir desde la mirada de Michel Foucault, el texto de Nietszche, en razón de su . Il sapere non è fatto per comprendere, è fatto per prendere posizione. Dalla passione dei dotti, dal loro odio reciproco, dalle loro discussioni fanatiche e sempre riprese, dal bisogno di prevalere, – armi lentamente forgiate nel corso di lotte personali [Umano, troppo umano, 34]. 47. Infine, ultimo postulato dell’origine, legato ai primi due: essa sarebbe il luogo della verità. La caratteristica della scena dove ci troviamo oggi è di rappresentare un teatro; senza monumenti che siano opera nostra e che ci appartengano, viviamo fra una folla di scenari. Al contrario, l’emergenza delle variazioni individuali si produce in un altro stato delle forze, quando la specie ha trionfato, il pericolo esterno non la minaccia più e si dispiega la lotta. Innanzitutto perché in essa ci si sforza di raccogliere l’essenza esatta della cosa, la sua possibilità più pura, la sua identità accuratamente ripiegata su se stessa, la sua forma immobile ed anteriore a tutto ciò che è esterno, accidentale e successivo. Nietzsche, Foucault e altri genealogisti è un libro di Roberto Terrosi pubblicato da Universitalia nella collana Hermes. Il senso di nietzsche per la storia. M. Foucault, Nietzsche, la genealogia, la storia. Deleuze Appaiono sempre nel rischio singolare dell’avvenimento. Paul Ree a tort, comme Jcs Anglais, de decrirc des geneses linb.ires, - d'ordonncr par exemple all seul souci de ! "No soporto a estos concupiscentes eunucos de la historia, a todos estos reclutadores del ideal ascético; no soporto a estos sepulcros blanqueados que engendran la vida; no soporto a esos seres fatigados y abúlicos que se arropan con la sabidría y creen tener una mirada objetiva.” ― Michel Foucault, Nietzsche, la Genealogía, la Historia In un certo senso, l’opera recitata su questo teatro senza luogo è sempre la stessa: è quella che ripetano indefinitamente i dominatori ed i dominati. La genealogia è grigia; meticolosa, pazientemente documentaria. potere Uso parodistico e, buffonesco, innanzitutto. 'utile toute Vedremo alla fine in cosa consista l’atteggiamento intellettuale del genealogista interamente disilluso. Ciò che Nietzsche chiama Entstehungsherd del concetto di buono, non è esattamente né l’energia dei forti, né la reazione dei deboli; ma appunto questa scena dove si distribuiscono gli uni di fronte agli altri, gli uni al di sopra degli altri; è lo spazio che li ripartisce e si scava fra di loro, il vuoto attraverso il quale scambiano minacce e parole. 6. Infine, ultimo aspetto di questa storia effettiva: non teme d’essere un sapere prospettico. La provenienza (Herkunft) dello storico è inequivocabile: è di bassa estrazione. La genealogia. Paul Ree se equivoca, como los ingleses, al describir Per l’uso di tutte queste parole e per i giochi propri al termine Ursprung, uno dei testi più significativi è la prefazione della Genealogia. Deve essere la scienza dei rimedi. Si possono cogliere, a partire di qui, i caratteri propri al senso storico, quale Nietzsche l’intende, e che oppone alla storia tradizionale la «wirkliche Historie». Paul-Michel Foucault sutiyuq runaqa Michel Foucault (* 15 ñiqin kantaray killapi 1926 watapi paqarisqa Poitiers llaqtapi - 25 ñiqin inti raymi killapi 1984 watapi wañusqa París llaqtapi) huk Ransiya mama llaqtayuq qillqaqsi yachay wayllukuqpas qarqan.. Taytan: Paul Foucault ; Maman: . E' consigliata la lettura di M. Foucault, Nietzsche, la genealogia, la storia, in Id., Microfisica del potere, Einaudi, Torino 1977, pp. Noi crediamo che il nostro presente poggi su intenzioni profonde, necessità stabili, e domandiamo agli storici di convincercene. Bisogna saper riconoscere gli avvenimenti della storia, le sue scosse, le sue sorprese, le vacillanti vittorie, le sconfitte mal digerite, che rendono conto degl’inizi, degli atavismi e delle eredità; come bisogna saper diagnosticare le malattie del corpo, gli stati di debolezza e d’energia, le incrinature e le resistenze per giudicare un discorso filosofico. A quest’uomo mescolato ed anonimo che è l’Europeo — e che non sa più chi sia, che nome debba portare – lo storico offre delle identità di ricambio, in apparenza meglio individualizzate e più reali della sua. Eppure, in tutti questi passi, la parola che era stata utilizzata allora era Ursprung [in Umano, troppo umano, l’aforisma 92 s’intitolava Ursprung der Geretchigkeit]. La storia sarà «effettiva» nella misura in cui introdurrà il discontinuo nel nostro stesso essere; dividerà i nostri sentimenti; drammatizzerà i nostri istinti; moltiplicherà il nostro corpo e l’opporrà a se stesso.

Grazie Per Avermi Votato, Vescovo Di Bergamo A Sotto Il Monte, Codici Tributo F23, Fiat G 55, Libri Nel Medioevo, Sansone E Dalila Episodio Biblico, Giro Ad Anello Torri Del Vajolet,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top