skip to Main Content

Recensione: perché non comprare il braccialetto Fitbit Flex

Va bene, non ho saputo resistere e alla fine ho comprato anche il Fitbit Flex nonostante sono già un felice possessore del Jawbone UP (la recensione la puoi leggere QUI).

In realtà ho sempre avuto il pallino del Fitbit perché è stato il primo braccialetto “fitness” che ho conosciuto qualche anno fa, ma ai tempi non era ancora in vendita Italia. Poi ho scoperto il Jawbone… e tutto il resto è storia.

Il Jawbone UP però per me, quindi un fattore totalmente soggettivo, ha un piccolo punto debole: la forma, quel design a “molla” che proprio non sottopporto. Lo devo togliere e mettere in tasca quando indosso il giubbotto e i guanti per il motorino perché altrimenti la “zona polso” è troppo affollata. E a volte me lo dimentico in tasca al giubbotto… quindi addio dati preziosi!

Ecco perché ho deciso di fare questa pazzia e comprare su Amazon anche il Fitbit Flex, diretto concorrente del Jawbone UP.
IMG_0085

Non l’avessi mai fatto!
Purtroppo l’esperienza che ho avuto con il Fitbit Flex è pessima, una vera delusione. È stata molto breve, lo ammetto, forse troppo per poter giudicare correttamente un dispositivo del genere, ma avendo a disposizione l’UP per un confronto è stato piuttosto immediato.

Il primo problema l’ho incontrato appena mi è arrivato il pacco di Amazon: non è possibile fare la prima configurazione del braccialetto senza un computer, poiché è necessario scaricare il software apposito. Ho dovuto aspettare sera quindi prima di poter arrivare al mio MacBook.

Il secondo problema è riconducibile è alla mia curiosità di voler provare il provabile (bel giro di parole). Avevo fatto l’account Fitbit quando ho scoperto il tracker, senza associarne uno. Questa curiosità eccessiva si vede che non è piaciuta al sistema e in fase di attivazione ha generato un errore dopo l’altro. C’ho messo 10 minuti prima di arrivare in fondo alla procedura d’attivazione. Intuitività questa sconosciuta.

A questo punto le cose si sono messe male per il Fitbit, lo ammetto. Ma per non averne abbastanza ho aperto l’app… e mi sono messo le mani nei capelli. Probabilmente mi sono abituato male con il Jawbone, ma l’app Fitbit è veramente pessima. Poco intuitiva e confusionaria. Non si può tenere traccia delle attività se non attraverso app di terzi. Non si può cronometrare un’attività… Semplicità d’uso questa sconosciuta.

Vogliamo parlare anche del fatto che per la sincronizzazione del braccialetto via computer bisogno smontarlo?! Va estratto il sensore dal cinturino e inserito nell’adattatore usb. Follia.

Fitbit-Flex-all-4-thumb-620x349-58673

Va bene, ti dico l’ultima e poi la smetto, mi pare di aver massacrato abbastanza: qualcuno gentilmente mi può spiegare come si usa questo braccialetto? Nella scatola, nell’app o sul sito non esiste un manuale d’uso. Lo so che ormai sono cose che non legge più nessuno, ma io avrei apprezzato se da qualche parte fosse spiegato come poter interagire “fisicamente” con il braccialetto, come passa in modalità notte? e come se ne esce o si controlla la modalità attiva? Non è spiegato da nessuna parte se non un approssimativo “to enter sleep mode, tap your Flex rapidly for one to two seconds.” Mi sono sentito abbastanza scemo a “bussare” sul braccialetto, a caso, per tentare di cambiare modalità.

Ci rinuncio, purtroppo il Fitbit non mi piace proprio e non consiglio l’acquisto a nessuno. L’unico aspetto positivo per il quale ho tentato l’acquisto è stato il design (a braccialetto classico, la forma del Jawbone in certe situazioni risulta poco comoda e funzionale), ma ci rinuncerò con piacere.

Insomma… il Fitbit l’ho indossato per 24 ore e poi l’ho riposto nella scatola: a parità di condizioni, per quanto riguarda l’esperienza d’uso è pessima rispetto al Jawbone UP.

Se questa recensione ti ha convinto, puoi comprare il Jawbone UP partendo da questo link.

This Post Has 10 Comments
  1. ciao, non sono granché d’accordo. limitatamente alle sue funzioni, il flex ha un solo vero difetto: sovrastima i passi. basta muovere rapidamente il polso e rileva passi che, in realtà, non hai fatto. si può ovviare, in fase di configurazione, indicando che si indossa sulla mano dominante (il che riduce la sensibilità) e mettendolo poi sull’altra, che si usa ancora meno. rileva così (quasi) solo i passi, e non si inganna col movimento del polso
    il discorso configurazione, poi, non è così tragico: ok, serve un pc, ma a me l’ecosistema non è parso malaccio: se infili il dongle nel pc la sincro è automatica diverse volte al gg; se la vuoi precisa al minuto puoi fare manuale – pc o telefono. l’app e il sito indicano quello che il flex fa: sonno, calorie, movimento, nè più nè meno. vuoi più dettagli? è compatibile con myfitnesspal
    infine, la funzione sveglia è comodissima e non necessita di bluetooth: non ho capito bene come faccia, ma si imposta la sveglia da app o pc, come se stessimo impostando sul telefono, si sincronizza, e il flex vibra preciso preciso

    sarei curioso di provare l’up x un confronto ma costa troppo e non mi risulta ci sia app x windows phone, che invece ha il flex

  2. Recensione da Appleiano, superficiale e con pregiudizi, che nota i pochi vantaggi dell’up e ha il paraocchi verso tutti i vantaggi del fitbit, come ad esempio, oltre al cinturino, (ricordiamo che è un braccialetto prima di tutto!) la compatibilità con molte più app e sistemi operativi, possibilità di usarlo in acqua, il prezzo 30/40 € in meno ed alcune altre caratteristiche di minore spessore ma che fanno del flex a mio parere un prodotto migliore rispetto all’Apple Up o scusami Jawbone Up (che poi il 24, perché il modello vecchio ha solo la sincro fisica).

  3. mai vista una recensione più di parte e parziale.. Dove vengono analizzati come decifit alcuni procedimenti scelti dall’azienda come processi iniziali da effettuare. Inoltre come già citato non vengono menzionati i punti a favore del flex. E dico questo non perchè io sia pro fitbit, infatti ho acquistato l’up 24, ma dico questo perchè questa recensione non aiuta un ipotetico acquirente a scegliere con criterio.

  4. Tommy, fa un piacere, cerca di non usare più quella mer*a di macbook per scrivere recensioni. Usalo pure per fare il fighetto ma lascia stare le recensioni di apparecchi tecnologici. Magari quelle delle merendine va.

    1. Ciao “Brian White” se questo è il tuo vero nome. Beh ognuno ha i suoi difetti, c’è chi riporta le proprie opinioni su un prodotto, e chi offende persone che nemmeno conosce sul proprio spazio online.
      Buon proseguimento.

      1. scusami ma capisco Brian…la tua recensione é di parte, si vede che é fatta solo x mandare gente sul sito dell up….chentristezza..

  5. ottima recensione. grazie. sarebbe interessante capire la precisione del gps (c’è?) e del rilevamento del battito. altrimenti non capisco a cosa possa servire realmente.

  6. Ho il fitbit da tre mesi. Funziona alla grande sonno attività calorie sveglia ecc ecc e chiamate in arrivo. Non porto il cell in palestra. L’unica pecca che in acqua non va…

  7. Ma..questa recensione serve per vendere l’altro braccialetto..? C’è il link alla fine dell’articolo. Bah, poi a parte quelli che secondo te sono difetti non spieghi niente del braccialetto.

  8. Qualcuno mi spiega nei dettagli come funziona il FITBIT FLEX? Ho scaricato applicazione su IPad ma non ci capisco niente come si usa ! Ha ragione che non si capisce niente oppure io,sono imbranata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top